Per i teologi protestanti si tratta tuttavia di un secondo caso di omonimia, perché il Simone “fratello di Gesù” è figlio di Maria madre di Gesù, e quindi non può essere il vescovo di Gerusalemme indicato da Egesippo come “figlio di Clopa” (Συμεὼν ὁ τοῦ Κλωπᾶ) e “cugino di Gesù”. Ce ne sono dunque degli altri. E su questa immediatezza semantica del testo insistono appunto i sostenitori di tale teoria. Oppure la Bibia non è chiara come ci appare a prima vista? * La conclusione a cui giungeva l’articolo principale era: “Il giudizio delle pecore e dei capri è futuro”. Di questo ne da conferma anche la beata Anna Caterina Emmerick nelle sue visioni sull’infanzia di Gesù. Ad esempio in Giudici, 8,18 si legge: "Poi disse a Zebach e a Zalmunna: "Come erano gli uomini che avete uccisi al Tabor?". 3) «Fratello» da Girolamo in poi è stato inteso in Occidente come «cugino» o, in senso lato, «fratello di latte» o di «di clan». . Negò dunque i parenti nel modo che insegnava a negarli a favore dell'opera di Dio. Poi partorì ancora suo fratello Abele. Alcuni di questi desposini, secondo Sesto Giulio Africano e altri autori paleocristiani, hanno occupato, anche in una fase relativamente tardiva, posizioni di speciale prestigio nella Chiesa cristiana delle origini. D'altro canto, se avesse voluto negare la sua natività avrebbe scelto un altro luogo, tempo e parole, non [parole] che si possono riferire a colui che ha madre e fratelli. Lo studioso cattolico tedesco Josef Blinzler nel 1967[106] ha proposto un'ipotesi secondo la quale i 4 'fratelli' sono cugini di primo grado di Gesù, ma 2 per parte di madre e 2 per parte di padre. Giovanni 2, 1; 19, 25; Atti 1, 14). Per il resto, va riconosciuto ancor più chiaramente [che aveva] madre e fratelli poiché non voleva riconoscerli. Dall età di cinquant anni si ritirerà dalla squadra del servizio e non servirà più. Maria la Madonna  -  I fratelli e le sorelle di Gesu'. In definitiva preferì [legami di] fede a [legami di] sangue, i quali [alcuni dicono] che non aveva (. È più facile che, certi che [Gesù] aveva madre e fratelli, lo abbiano potuto tentare sulla divinità piuttosto che sulla natività, [per vedere] se stando dentro poteva conoscere chi era fuori annunciandogli mendacemente la presenza [di madre e fratelli], mentre non erano presenti. Cassiodoro (485-580) considera questa interpretazione come acquisita, e i teologi del Medioevo la accolsero con poche eccezioni (alcuni, nel Seicento, argomentarono che Giacomo il Giusto non era la stessa persona di Giacomo figlio di Alfeo, ma non sembra avessero elaborato una teoria chiara e completa sui fratelli di Gesù)[23]. Entrambi risposero che possedevano solo 9000 denari tra tutti e due, ciascuno di essi possedendo metà della somma; ma dissero anche che non li possedevano in liquidi, ma come stima di un terreno che essi possedevano, consistente in 100 plethra (pari a circa 3500 metri), dalla quale dovevano pagare le tasse, e che mantenevano con il loro lavoro. Secondo alcuni esegeti protestanti resta la difficoltà dell'omonimia tra i Giacomo e Ioses di Marco 6,3 e quelli di Marco 15,40 (per i cattolici sono le stesse persone) ma essa potrebbe essere spiegata tenendo conto che, nel mondo ebraico, il numero di nomi era limitato e si possono trovare parecchi omonimi. E quando Matthan morì, Melchi, che discendeva da Nathan generò Elia dalla stessa donna. Questa quindi è già una prova scritturale inconfutabile. E come mai si compiono tali potenti opere per mano sua? Chi dice di no non ha letto la Bibbia e neppure il Vangelo e dovrebbe vergognarsi un po'. (Gen 37, 2). 3 i trovo ad Holguin per una quindicina di giorni per man - tenere i legami tra le nostre due fraternità e an - che per accompagnare, per qualche giorno, i nostri due fratelli più anziani, Enrique ed … Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». αδελφόι indicherebbe dunque cugini di primo grado. Secondo Tertulliano infatti Maria perse la verginità dopo il parto di Gesù (Cfr. In primo luogo, nessuno gli [a Gesù] avrebbe annunciato che sua madre e i suoi fratelli stavano fuori se non fosse stato certo che aveva la madre e i fratelli dei quali gli annunciava, o perché li conosceva da prima o perché li ha conosciuti in quel momento. Benedetto Dio, poiché ho visto mio cugino Tobi, vedendo te che tanto gli somigli! E c'è un altro simbolo: la sinagoga nella madre assente, e i giudei nei fratelli increduli. In quel tempo, si accostò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». Ecco come si chiamava uno dei due discepoli (l’unico del quale ci viene riferito il nome) che andavano ad Emmaus? Figli di Macli: Eleazaro e Kis. il Nuovo Testamento non è interessato a fornire informazioni parentali circa Gesù, se non con limitati e disorganici accenni, ma a descrivere il suo ministero salvifico; i quattro nomi in questione erano diffusissimi nella Palestina di quel tempo, e lo stesso dicasi per il femminile Maria. Nei 39 libri che compongono il testo masoretico, detto anche Antico Testamento ebraico, il termine ebraico e aramaico אח ('ah, si veda l'omofono e omologo arabo ﺍﺥ e siriaco ܐܚ) compare 635 volte, includendo i derivati (plurale, stato costrutto singolare e plurale, forma con suffisso pronominale). La questione dei “fratelli di Gesù” è tanto confusa quanto dibattuta. Oltre a tale opera apocrifa l'ipotesi compare in altri scrittori successivi: Eusebio di Cesarea (St. Ecc. Ma egli disse: "Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano! Secondo le Chiese orientali essi erano i fratellastri di Gesù, figli di un precedente matrimonio di S.Giuseppe, in seguito rimasto vedovo, adottati da Maria in seguito al matrimonio. Tuttavia dalla traduzione delle sue opere Contro Marcione[Nota 16], La carne di Cristo[Nota 17], Sulla monogamia[Nota 18], Sulla velazione delle vergini[Nota 19], non si ravvisano espliciti riferimenti ai fratelli di Gesù intesi come figli di Maria, il che lascia supporre che la diatriba non sorse prima della seconda metà del IV secolo. Il caso specifico si riferisce proprio ai presunti fratelli di Gesù, come verrà dimostrato in seguito. Essi stavano nella barca con il padre e riparavano le reti. Aveva veramente fratelli carnali? In greco classico ανεψιός rappresenta effettivamente i cugini, ma nell'uso che se ne fa nella LXX e nel NT indica una parentela non definibile ma più o meno lontana dal punto di vista geografico ed esistenziale. 4,22,4 en), Gesù non ebbe nessun fratello carnale, e analizzando diversi versetti biblici vedremo le prove. L'estratto fa riferimento al periodo che va dal regno di Domiziano (81-96) a quello di Traiano (98-117):[16]. Contro lo schema sinottico sopra riportato, che rappresenta l'interpretazione della secolare tradizione cattolica, possono essere mosse osservazioni che non ledono lo 'zoccolo duro' dell'ipotesi (fratelli=cugini). (1Cr 23, 21-22), (i figli di Kis, fratello di Eleazaro, sono i cugini in primo grado delle figlie di Eleazaro). Girolamo sostiene contro Elvidio che i "fratelli" erano cugini materni di Gesù, figli di Alfeo e Maria di Cleofa, sorella di Maria madre di Gesù. Due di essi, Giacomo e Joses, sono espressamente indicati come figli di un’altra donna, anch’essa di nome Maria ( Mc 6,3 ; 15,40 )- ( Cei, ibidem, 768, 769). [83] ), Sant'Agostino, Maria: "dignitas terrae", Roma, Città Nuova, 1988, p. 9, Guido Pagliarino, Gesù, nato nel 6 "a.C." crocifisso nel 30: un approccio storico al Cristianesimo, Scrittore G. Pagliarino, 2003, p. 118, La vita di Gesù o esame critico della sua storia, Gesù, nato nel 6 "a.C." crocifisso nel 30: un approccio storico al Cristianesimo pagina 118, James H. Ropes, Epistle of St. James, Volume 41 di “International critical commentary on the Holy Scriptures of the Old and New Testaments International Critical Commentary”, Continuum International Publishing Group, 2000, p.57s, Johann Peter Lange, Philip Schaff, "A commentary on the Holy Scriptures: critical, doctrinal, and homilectical, with special reference to ministers and students", Volume 9, C. Scribner & co., 1867, p.5, In merito alla controversa identificazione Alfeo/Clopa vedi. Ma se fosse stato fratello uterino di Gesù, indicherebbe il fratello maggiore e non Giacomo. Dal punto di vista storico la probabilità maggiore è che i fratelli e le sorelle di Gesù fossero veri fratelli e sorelle. Ma la scrittura non dice questo, e lo specifica quando viene fatto per tentare [Gesù] (ecco il dottore della legge si alzò per tentarlo, e nella questione del tributo [a Cesare], e vennero a lui i farisei per tentarlo), dunque quando non si fa menzione di tentazione non è ammessa l'interpretazione di una tentazione. Infatti troviamo nei Vangeli il dato abbastanza accertato che la madre di due di questi supposti fratelli si chiamava Maria, ma era sorella (ovvero cognata) di Maria la madre di Gesù. Uno dei quattro nomi, forse il più citato, attribuito ai presunti fratelli di Cristo è Giacomo, fratello di Gesù, è figlio di Alfeo (Mt 10,3), in ogni caso lui stesso scrive "…servo di Dio e del Signore Gesù Cristo…". Roberto Gualtiero Stewart, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Fratelli_di_Gesù&oldid=117382142, Voci con modulo citazione e parametro pagina, Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, c'erano poi anche delle donne da lontano osservanti tra le quali anche, e Maria madre di Giacomo il Minore e di Ioses, e la sorella di sua madre Maria di Cleofa. Sarebbe potuto succedere che quelli che erano annunciati come stanti fuori, li sapeva [Gesù] essere assenti, o per salute, o per affari, o per viaggi di cui era a conoscenza. Ed è noto che un censimento fu fatto in Giudea da Senzio Saturnino, e possono indagare circa la sua [di Gesù] nascita. Fratelli di Gesù sorelle presunti | Fratelli Gesu - Cristiani Cattolici: Pentecostali Apologetica Cattolica Studi biblici Non esistono fratelli di Gesù nel senso carnale. anche Georges Gharib, Vedi anche Edward Burton, secondo cui, un'antica tradizione, risalente tra gli altri ad, In Tertulliano tuttavia non appare un esplicito riferimento ai fratelli di Gesù intesi come figli di Maria. Se a Gesù vengono attribuiti “fratelli e sorelle”, d’altra parte è il solo ad essere conosciuto come il “figlio di Maria” (Mc 6,3). Egli saltò in piedi a salutarlo e Gabael pianse e lo benedisse: Figlio ottimo di un uomom ottimo, giusto e largo di elemosine, conceda il Signore la benedizione del cielo a te, a tua moglie, al padre e alla madre di tua moglie. E le sue sorelle non sono qui tra noi?". Sua madre non si chiama Maria e … La Tradizione ha sempre ritenuto questi ultimi come dei cugini, o dei fratellastri. Giuda però indica Giacomo come suo fratello, è questo un altro indizio. 11. Il Giacomo a cui si riferisce Giuda è assai probabilmente Giacomo fratello del Signore, allora capo della Chiesa di Gerusalemme. Construction began in 1901, was completed in 1904 and the church was consecrated the following year. Oggi è comunemente ammesso (in base a Mt.1,23 - Lc.1,2.7 - Lc.2,.7) che i fratelli del Signore non potevano essere veri fratelli più anziani di Gesù. Il diacono Baldassare La Fata, ex esponente dei TdG ed ora diacono permanente della Diocesi di Monreale ci svela con la Bibbia stessa come stanno effettivamente le cose.. Una catechesi da ascoltare, Bibbia alla mano. Non lo fecero, secondo alcuni autori[5], perché non esistevano. Chiunque agisca così non è un vero fratello o una vera sorella. - Gabry Red, Australia . This opinion is most highly probable, Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture, Treccani on line: I primi protestanti per lo più ammisero il concepimento verginale di Gesù ma sostennero comunemente che Maria avrebbe avuto, dopo Gesù, altri figli da naturale matrimonio con Giuseppe, e cioè Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda, chiamati fratelli di Gesù, e altre innominate sorelle (Matteo, XIII, 55-56), Henry George Liddell, Robert Scott, A Greek-English Lexicon, De perpetua virginitate B. Mariae, Adversus Helvidium, Martin Luther on Mary's Perpetual Virginity, LXX Numeri 36:11 και εγενοντο θερσα και εγλα και μελχα και νουα και μααλα θυγατερες σαλπααδ τοις ανεψιοις αυτων, Sito dell'Unione delle Chiese Evangeliche: A Brief Articulation of Sola Scriptura, Acts of Impropriety: The Imbalance of History and Theology in Luke-Acts, Commentario del Nuovo Testamento del Rev.